AusonaTellus

AusonaTellus

giovedì 30 aprile 2015

Scauri, quer pasticciaccio brutto de …

Siamo un pase normale. Checchè se ne dica.
Tentativo di omicidio fine a sé stesso e quindi gesto di un folle, regolamento di conti per motivi di droga, reazione ad uno sgarbo subito? I motivi alla base del fatto accaduto in quel della nota pizzeria la “Nueva Moet” possono essere i più disparati ma questo non giustifica la reazione di certi organi di stampa e, soprattutto, quella di molti frequentatori i social forum sulla rete. Di fatti come questi in passato ne sono accaduti – chi non ricorda i tristemente famosi anni novanta? - ed in futuro ne accadranno perché è nella natura delle cose ed il nostro è un pase … normale. Il nostro è un pase normale, non un’oasi felice, un paese normale come lo sono tutti i paesi della penisola e gridare allo scandalo, ironizzare addirittura sul fatto che, per pubblicizzare le bellezze indubbie di questi luoghi, si stiano facendo delle riprese aeree con un drone non è cosa buona e giusta. E non è cosa buona giusta parlarsi male addosso soprattutto all’inizio di una stagione estiva che se dovesse avere i crismi di quelle passate creerebbe – non sono parole nostre ma di addetti ai lavori – seri problemi all’economia locale. Del resto siamo qua a chiederci a chi possa giovare un tale masochistico atteggiamento ed a chiederci a chi giova l’organizzazione di certe folcloristiche manifestazioni che ben ci si guarda, tanto per fare un esempio, dall’organizzare per denunciare le pecche amministrative e non solo che questo paese presenta. Si vuol fare una manifestazione? La si faccia ma la si faccia per chiedere più controlli e sicurezza non la si faccia quasi per “celebrare” un fatto privato di certo fine a sé stesso.

martedì 28 aprile 2015

Pillole dal Golfo (62)

Tanto per sorridere un po’ ma … non troppo. Minturno. E’ notizia ufficiale: lo storico convento dei frati francescani di Minturno sarà restituito alla comunità visto che è stato dato in comodato d’uso alla diocesi di Gaeta che lo utilizzerà per l’apertura di un centro della Caritas ed altri servizi per gli indigenti. Ci auguriamo che i gestori diretti del centro non abbiano anche loro necessità di un addetto stampa! Minturno. A proposito ma qualcuno ha più notizie di un certo ISMEF? Vi prego, miei dodici lettori, se avete nuove di questo fantasma – che dovrebbe tra sue attribuzioni gestire il castello baronale – fatecelo sapere ché saremo ben lieti di fare da megafono. Scauri. Il calcio è quello che è e purtroppo vive l’ennesimo momento difficile. Scauri vive di basket, fortunatamente, e dopo l’ennesima vittoria facciamo i nostri migliori auguri ed i complimenti a quelli del Basket Scauri USD. Gaeta. A quanto leggiamo sulla stampa locale, ed ove la data non sia inesatta, domenica 11, ove non piova crediamo, a Gaeta si tenterà di comporre la catena più lunga al mondo dei mangiatori di gelato. Nulla da ridire, per carità, ma sarebbe il caso che le città del golfo si dessero da fare per battere altri primati: della raccolta differenziata, vogliamo mettere? Golfo di Gaeta. Sulla stampa locale solo calcio e solamente calcio. Ed un po’ di pallavolo. Sulle imprese del Basket Scauri USD una pillola ogni tanto. Perdonate emeriti “colleghi” – e scusate l’ardire per avervi nomati tali – ma il basket è uno sport o un piatto di cucina casareccia? Golfo di Gaeta. Piove governo ladro e stando alle previsioni che vengono enunciate da vari metereologi anche la prossima estate non sarà delle migliori. Con buona pace di coloro che nei vari gruppi di FB continuano a vomitare improperi contro quei vampiri dei gestori di stabilimenti balneari. Che ne soffra poi tutta l’economia del golfo per questi soloni è un misero dettaglio. Minturno.
E’ ufficiale, malgrado le smentite dei giorni addietro, che 19 extracomunitari, assistiti da un’associazione regolarmente riconosciuta, sono assistiti in una struttura privata al proprietario della quale sarebbe corrisposto un regolare affitto. Non vorremmo che si rivelasse vera la voce, però, secondo la quale il proprietari di seconde case sarebbero a breve e coattivamente a fare lo stesso.

sabato 25 aprile 2015

Pillole dal Golfo (61)

Tanto per sorridere un po’ ma … non troppo.
Scauri. “ Ieri mattina è accaduto un episodio che ha destato molto scalpore nella comunità minturnese. Come riferisce il quotidiano online Temporeale.info, presso il plesso scolastico “Don Antonio Pecorini” di Via del Golfo a Scauri si sono recati i carabinieri in quanto è stato trovato un rotolo di carta trovato all’interno di uno dei contenitori del cibo destinato ai bambini…” . Pascò attento alla forma, non è da te! Golfo di Gaeta. Il comune di SS. Cosma e Damiano, lo comunica con malcelato orgoglio l’assessore all’ambiente, è al top della classifica, nella provincia di Latina, per la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. Noi saremmo curiosi di conoscere le posizioni di rincalzo ed in particolar modo quella del comune di Minturno. Abbiamo la vaga impressione che ci sarebbe da … piangere. Golfo di Gaeta – Alto Casertano. La Sogin, Società Generale Impianti Nucleari, l’azienda incaricata anni addietro, pare trascorsa una vita, di smantellare le centrali elettronucleari italiche dopo la rinuncia, da parte degli italioti, della rinuncia all’atomo, apre le porte, al pubblico, della centrale elettronucleare del Garigliano. Un modo per mostrare al colto ed all’inclita che in questo luogo tutto è sempre funzionato a dovere, che la media in zona delle morti per cancro è nella media nazionale, che il dottor Tibaldi aveva torto, che … etc.etc.. A noi pare piuttosto un modo per buttare avanti le mani e non cadere. A faccia per terra. Minturno. L’assunzione di tre vigili a tempo determinato e che pare abbiano preso già servizio ha scatenato, qui a Minturno, una vera tempesta in una ciotola d’acqua. Noi non sappiamo se nella scelta dei temporanei metropolitani ci siano stati favoritismi ma è mai possibile che in questo comune non accada mai nulla in modo … normale? Gaeta. E’ partito lo “Yacht med festival”, ovverossia l’evento dedicato all’economia del mare, ma al di là dei toni trionfalistici di certa stampa, fatti anche e soprattutto per riempire le pagine, l’assoluta mancanza di pubblicità sui media pur virtuali dimostra che l’organizzazione dell’evento sta vivendo un momento di assoluta difficoltà. E ci si smentisca se è il caso. Formia. Una volta dalle nostre parti gli estorsori erano soggetti di un certo calibro appartenenti ai clan La Torre, Esposito, Beneduce ora sono piccoli pesci in salamoia venditori di merce tarocca. Dio come siamo caduti in basso anche in questo campo!

mercoledì 22 aprile 2015

Pillole dal Golfo (60)

Tanto per sorridere un po’ ma … non troppo.
Scauri. “Carta nella zuppa pronta per essere servita ai giovani alunni della scuola titolata a don Antonio Pecorini in via del Golfo. Genitori indignati ed in rivolta. Tutto sulla…carta visto che una mammà, che pure aveva ciacolato tanto, ci ha fatto “pregare” di non mettere in onda le riprese da noi effettuate circa una riunione informale avutasi nei pressi della struttura. E queste persone vorrebbero cambiare il … mondo?” Tanto scrivemmo in una “pillola” ed altro scrivemmo in un pezzo pubblicato anche su Minturnet.it in cui stigmatizzavamo il comportamento di certe mammà doppiogiochiste. Ora scopriamo, addirittura, che talune mammà ben … educate avrebbero chiesto scusa alla dirigente per gli atteggiamenti troppo focosi delle loro colleghe. Bene e che ben le stiano a queste signore cacche di topo ed urine di topo nelle aule, scuole pericolanti e pacchi di carta da cucina nelle pentole colme di cibo! Minturno. “Il sindaco Paolo Graziano e il suo scudiero Colacicco vogliono evitare che i consiglieri comunali, soprattutto di maggioranza, possano esaminare con la dovuta attenzione e chiarezza (sic!) i documenti di bilancio”. Sante parole del consigliere di opposizione, PD, Gerardo Stefanelli. Meno male che lui c’è! Marina di Minturno. La donna, e se non fossi quello che sono lo sottolinierei, è di chiare origini campane. Ha un cagnolino al guinzaglio, una di quelle bestiole che magari ti piace immaginare anche al forno con le patate. E cammina quasi a ridosso della battigia lungo la spiaggia antistante lo stabilimento balneare “La Bussola”. Il cagnolino, evidentemente stimolato dall’aria sana e dal rumore delle piccole onde che si abbattono sulla riva, decide di espletare i suoi bisogni corporali. La padrona, non appena il suo tesoro ha terminato, tira fuori un fazzolettino di carta e gli pulisce il bucio del culo manco si trattasse di un cucciolo d’uomo. Poi, ovviamente, lascia tutto sul posto. E vai a capirli quelli che sostengono che noi italioti, mi ci metto anche io, siamo un popolo di merda! Scauri. Dopo 25 anni sembra che la magistratura pontina e gli inquirenti tutti abbiano appurato che la pistola che gambizzò Luigino Caterino ed uccise, sempre a Scauri, il sottufficiale dei vigili urbani Salvatore Rotondo sia la stessa. Una novità, una nuova verità rivelata? Ma facitece ‘o piacere!

Scauri, ancora della tempesta in un bicchier d’acqua

Per ririparafrasare Pirandello una, nessuna, centomila … facce.
“Le scuole elementari del comune di Minturno hanno, ormai è cosa che sanno anche gli eskimesi, problemucci di non poco conto. Si va da quelli di stabilità della Italo Balbo – a proposito sono stati risolti? – a quelli fatti di ratti, escrementi e pericolosissime urine di topo della Cistrelli a quelli di rotoli di carta nel cibo della scuola di via del Golfo….” Giornalisticamente, ora faccio il blogger ma cronista lo sono stato veramente e sia pure secoli addietro, faccio un solo “ritorno” su di una notizia già data ma questa volta mi sento obbligato a rivangare l’evento di cui sono stato cronista, io ritengo attento ed oggettivo, perché qualcuno che si agita fin troppo, ma poco conclude a mio parere, in un noto gruppo su Facebook mi ha, sia pure in modo soft, “attaccato” giudicando più interessante la nota di presentazione al pezzo che il pezzo stesso. Ebbene, egregio signor Mauro Iannotta – mi perdoni ma quando ne ho la possibilità sono aduso a fare nomi e cognomi - , sappia che io faccio questo mestiere, non pagato ma pieno di soddisfazioni, da una vita mentre a quel che mi consta lei di mestiere ne svolge ben altro ragion per cui mi verrebbe da scrivere, e lo faccio, “unicuique suum”. O per dirla in piemontese “fa’ to’ mestié!”. A lei, egregio signor Mauro Iannotta, il mio pezzo non è piaciuto? Libero di pensarla come meglio crede ma se ne è capace, e se ne ha voglia, motivi se ho commesso o riportato inesattamente qualche episodio che attiene a quella famosa informale riunione. Famosa, si fa per dire, informale riunione alla quale, e lo ha di già confermato, invitato dall’amico e congiunto acquisito Fulvio Di Nora. Alla riunione, come era giusto che facessi, ho partecipato da cronista: ho ascoltato, preso nota mentalmente – perché nel ho l’abitudine e le capacità – e, soprattutto, girato un video che se mi fosse dato di pubblicare confermerebbe punto per punto quel poco, mi sono astenuto dal riportare le affermazioni più forti, che ho scritto. A lei, egregio signor Mauro Iannotta, il mio articolo non è piaciuto. Libero di pensarla come meglio crede e libero di puntualizzarlo e nei commenti e nel gruppo FB sul quale impazza ma non si permetta, se non con dati di fatto, quello che io ed altri blogger, certamente più scafati ed abili di lei sono in grado di buttare giù. Un’ultima cosa: io non so se lei abbia figli o nipoti che frequentino i fatiscenti – mi smentisca anche in questo? – plessi scolastici di questo disgraziato paese ma io li ho e le battaglie di tutti coloro che si batteranno perché le condizioni di “vita” dei suddetti migliorino mi vedranno in prima fila. Sempre ed a prescindere dal suo gradimento e da quello del suo gruppo dal quale, se vuole, mi può anche bellamente buttar fuori. La saluto poco cordialmente.

lunedì 20 aprile 2015

Pillole dal Golfo (59)

Tanto per sorridere un po’ ma … non troppo. SS. Cosma e Damiano. Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Velletri, la dottoressa Zusa (ammazza che nome!), ha inflitto una condanna di tre anni e due mesi, con rito abbreviato, a tal Pasquale (o Giuseppe?) Cifonelli accusato di rapina a mano armata ai danni della filiale Unicredit di Colleferro. Pasquale Cardillo Cupo, per taluni frequentatori di un poco noto villaggio, conosciuto come il Cupo avvocato ha sostenuto che il nostro eroe è affetto da una grave forma di ludopatia che ne condizione fortemente le capacità comportamentali. Il pregiudicato è stato ugualmente condannato – parzialmente accolta la tesi del difensore – quindi abbiamo buone speranze, pur conoscendo il decorso della giustizia italica, di essercelo tolto per qualche tempo dalle scatole. Ponza. Nello specchio d’acqua antistante la località “scoglio della Ravia” le autorità marittime locali hanno rinvenuto e sequestrato una polpara lunga ben … tre metri. I polpi ponzesi ora dormiranno sonni tranquilli. Scauri. Carta nella zuppa pronta per essere servita ai giovani alunni della scuola titolata a don Antonio Pecorini in via del Golfo. Genitori indignati ed in rivolta. Tutto sulla…carta visto che una mammà, che pure aveva ciacolato tanto, ci ha fatto “pregare” di non mettere in onda le riprese da noi effettuate circa una riunione informale avutasi nei pressi della struttura. E queste persone vorrebbero cambiare il … mondo? Minturno – Scauri. “Lezioni di ballo che rischiano di finire sotto la lente d’ingrandimento dell’autorità giudiziaria, per presunti maltrattamenti che alcune minorenni avrebbero subito all’interno di una scuola di danza del sud pontino…”. Gianni Ciufo, amico e buon giornalista, non sarebbe in certi casi il caso, mi si perdoni il vomitevole gioco di parole, di essere più precisi onde evitare presunti coinvolgimenti che c’entrano come i cavoli a merenda? Formia. Da “Latina Editoriale Oggi”: “Due giovani sono stati fermati dalla polizia di Stato di Formia per avere aggredito un vigile urbano. Questi, da una prima ricostruzione, è stato colpito con un pugno al volto mentre tentava di fermare i due giovani che stavano forzando il posto di blocco. Posto di blocco dei vigili urbani allestito proprio per fermare i due.” Ennesima dimostrazione di quanto abbia ragione il direttore del quotidiano in oggetto a proposito dell’utilizzo dell’italico idioma da parte dei suoi … professionisti. P.S. Non oso nomarli giornalisti.

Minturno, da Sel: "Un colpo di genio"

COMUNICATO STAMPA
Per la nostra amatissima Amministrazione non ci sono soldi per le raccomandate, non ce ne sono per aumentare nemmeno di qualche ora il lavoro part-time di quattordici dipendenti, non ce ne sono per pagare la comunità Montana, non ce ne sono per controllare la struttura della scuole e per non permettere che si trovino rotoli di carta nei contenitori del cibo dei nostri figli, ma… forse qualche euro c’è, ed ecco il colpo di genio. Veniamo a sapere dalla stampa locale che il Sindaco del comune di Minturno, dr. Paolo Graziano, ha richiesto il comando annuale (salvo proroga) per 18 ore settimanali per un funzionario Amministrativo, il dott. Francescopaolo D’Elia, che si è occupato di attività produttive e che ricopre un ruolo che a Minturno non è assolutamente scoperto. Una vicenda simile a quella che capitò poco più di un anno fa all’ex comandante della Polizia Provinciale, Attilio Novelli, ma con risvolti ancora maggiori. Il funzionario D’Elia infatti è un dipendente della Provincia di Latina (della quale Graziano è stato consigliere per svariati anni) ed è residente a Formia, guarda un po’ il caso è stato anche il Presidente della commissione esaminatrice per la selezione dei trenta vigili stagionali nel comune di Minturno, ricordiamo che quella selezione sollevò non poche polemiche esposti e ricorsi. E’ bene ricordare altresì che il comune di Minturno ha già un elevato numero di Responsabili dei Servizi e che gli incarichi fra loro sono molto sbilanciati e quindi se si vuole dare un senso a questa operazione si intuisce benissimo che appare una mera compensazione dell’ottimo lavoro che il dr. D’Elia avrà sicuramente svolto durante la sua Presidenza della commissione esaminatrice del concorso per l’assunzione dei vigili stagionali. Fa rabbia pensare che il comune di Minturno concorrerà nella spesa di questa operazione, in barba alla diffida dei Revisori dei Conti, operazione che se fosse stata di mobilità ordinaria non avrebbe avuto costi. Rimane ancora un interrogativo, che non ci è chiarito dal provvedimento e per il quale aspettiamo il Decreto del Sindaco, sul ruolo in Amministrazione che assumerà il nuovo arrivato. Fonti affidabili parlano dei settori del Personale, Ambiente ed Igiene, inclusa quindi la procedura per la nuova gara d’appalto sui rifiuti. Il comune di Minturno ancora una volta per gli interessi di bottega è il primo in Italia, invece per e l'adeguamento alle norme ed il rispetto delle regole è sempre in coda. Il Circolo SEL Antonio Gramsci continua nella sua battaglia di sensibilizzazione delle coscienze dei cittadini e soprattutto di coloro i quali si sono assunti la responsabilità, attraverso il voto amministrativo, di delegare l’attuale giunta a gestire il nostro futuro e quello dei nostri figli. Andiamo avanti con le nostre iniziative volte a costruire una coalizione ed un programma politico di alternativa vera, l’unica possibile via d’uscita economica e sociale del territorio.

domenica 19 aprile 2015

Pillole dal Golfo (58)

Tanto per sorridere un po’ ma … non troppo. Minturno. Questo è un paese veramente strano visto che se ne vedono di tutti i colori soprattutto in fatto di …onorificenze. Va bene per il dottorato, il cavalierato ed il diaconato ma “cultore universitario” chevvordì? Formia. Il reparto di cardiologia del nosocomio di Formia, dati i precedenti, non è che abbia mai goduto di fama eccessiva ma ad oggi visto il fatto che sono stati sostituiti solo due dei medici che hanno raggiunto l’età pensionabile potremo ben dire che più che di fama esso, da ora in poi, godrà di … fame. Di medici appunto. Minturno. Favoritismi e promozioni economiche ingiustificate per alcuni dipendenti è quanto denuncia Mimma Nuzzo, capogruppo del PD e presidente della Commissione Trasparenza del comune di Minturno. Sarà vero? Di certo è un dato di fatto che dopo aver abbandonato gli occhiali la Nuzzo sembra avere una vista più acuta di quanto si pensasse. Minturno. Chi la dura non la vince e probabilmente il Comune di Minturno, dopo aver pensionato unilateralmente, come già fatto in passato, la responsabile principe dell’ufficio tecnico, l’architetto Lucia Gallucci, si appresta ad affrontare un’altra debacle. Noi ci metteremmo la mano sul fuoco. Formia. Nella cittadina tirrenica c’è chi propone di erigere un monumento al pescatore a quando la proposta di erigerlo al dipendente comunale od a quello della Asl locale? Minturno. Il convento dei frati di Minturno – rectius l’ex convento – passa sotto la giurisdizione dell’Arcivescovado di Gaeta. Ebbene, malgrado le voci non certo degne di buon accoglimento da parte del popolo locale, sembra che esso sarà affidato alla Caritas. Ce lo conferma dottor, diacono, cavaliere, cultore universitario nonché addetto stampa di Monsignor D’Onorio De Meo? Lo faccia ci tranquillizzi! Gaeta. Un giovane di Gaeta, trovato in possesso di ben cinquantuno grammi di ketamina, è dovuto comparire davanti al GIP di Cassino, Angelo Lanna, per la conferma o meno degli arresti domiciliari. Stiano tranquilli clienti ed amici, nonché i familiari, ché visti i tempi ed i modi dell’italica giustizia al nostro eroe finiranno per conferire, magari, l’onorificenza di cavaliere del lavoro...sporco.

Quando si dice ...

... l'involontaria autoironia.

sabato 18 aprile 2015

Scauri, una tempesta in un bicchier d’acqua?

Per riparafrasare Pirandello una, nessuna, centomila … facce.
“Le scuole elementari del comune di Minturno hanno, ormai è cosa che sanno anche gli eskimesi, problemucci di non poco conto. Si va da quelli di stabilità della Italo Balbo – a proposito sono stati risolti? – a quelli fatti di ratti, escrementi e pericolosissime urine di topo della Cistrelli a quelli di rotoli di carta nel cibo della scuola di via del Golfo….” Ho iniziato a fare il cronista esattamente cinquant’anni fa, avevo poco più di diciassette anni e potrei, se volessi, anche ripubblicare il mio primo articolo quello che, a suo tempo , inviai a il quotidiano “Il Tempo”. Poi passai a “Il Messaggero”, un giornale che mi venne descritto più libero e che invece si dimostrò pieno di lacci e lacciuoli (leggi censure), per finire, con la cartacea, a “Il Territorio”. Periodico provinciale passato a peggior vita dopo una breve, seppur intensa, esperienza. Con l’avvento del web mi sono inventato blogger ed ho avuto, ed ho, un discreto successo. Ho scritto di tutto e contro tutti, ho subito minacce anche fisiche, danni non solo morali (la mia automobile è stata qualche anno fa seriamente rovinata da personaggi non proprio … sconosciuti e che sono ormai abitanti dell’aldilà), sono stato querelato ma non ho mai riportato condanne. Insomma, giornalisticamente, ho fatto di tutto ed ancora ho intenzione di farlo. Ebbene il lungo pistolotto per dire che malgrado abbia scritto di tutto e contro … tutti mai mi era capitato di suscitare una tempesta di portata inusitata scrivendo di doppiogiochismo, presumo di averne le prove, a proposito della vicenda che sta agitando i marosi che si stanno abbattendo sulle scuole elementari del comune di Minturno e di Scauri in particolare. Della faccenda, lo sottolineo, mi sono incaricato perché invitato a farlo ma, dopo quello che si è verificato ( e-mail, telefonate, incontri ravvicinati di terzo tipo, e-book etc.) io continuerò ad occuparmi del problema solo se ufficialmente invitato e solo se ufficialmente invitato parteciperò alla riunione che , grazie a “Quelli per una buona scuola a Minturno”, si terrà a Scauri il 23 prossimo venturo, alle ore 18, presso i locali dell’arena sportiva dedicata all’amico, scomparso da una vita, Filippo Mallozzi. E chi di dovere se ne faccia una ragione.

Scauri, problemi scuole elementari: il coraggio di non esporsi

Per parafrasare Pirandello una, nessuna, centomila … facce. Le scuole elementari del comune di Minturno hanno, ormai è cosa che sanno anche gli eskimesi, problemucci di non poco conto. Si va da quelli di stabilità della Italo Balbo – a proposito sono stati risolti? – a quelli fatti di ratti, escrementi e pericolosissime urine di topo della Cistrelli a quelli di rotoli di scottex nel cibo di quella di via del Golfo. Ebbene ieri venerdì 17 aprile, intorno alle ore diciassette tanto per non farsi mancare nulla, vi è stata una sorta di riunione informale dei genitori alla quale, munito come mio solito di videocamera, mi sono regolarmente presentato. Ho acquisito notizie – vi erano anche i rappresentanti del gruppo FB Scauresi Scauresi – ed ho girato un video che, unitamente alle notizie, avrei ben volentieri e giustamente messo in rete come, del resto, richiede il mio compito di blogger, non dico famoso, ma abbastanza conosciuto. Ebbene leggete a seguire cosa si è scatenato: “Ciao Michele, ti volevo avvertire che una persona che hai ripreso con la video camera stasera davanti la scuola golfo in merito all’evento mensa, non vuole che tu mandi il suo video, non vuole assolutamente apparire neanche come voce soltanto. Non erano le persone che si trovavano a parlare di spalle alla scuola, ma quella che era vicino a te, … la rappresentante della …. e che non vuole apparire per non inimicarsi la preside Infatti mi ha telefonato per chiedermi chi fossi e come poteva evitare di far mandare il video in onda Non so cosa abbia detto ma fa parte di quelle persone che non sempre ci mettono la faccia. Bona serata. I Grazie. Perciò il mondo non cambia. Lei ha trovato una sorta di feeling con la figlia della preside che in precedenza non aveva dato confidenza ad alcuno. In questa situazione invece si è creato un idillio. Diciamo che è quella categoria che a te faccio vedere una cosa e poi sono altre mille e mille facce di pirandelliana memoria Quelle persone che a te a pelle non piacerebbero, quelle che cavalcano il momento e poi sono nulla senza onda.” Ovviamente obbedisco ed a meno che non invitato senza vincoli di sorta mi terrò ben lontano dal frequentare, in particolar modo il giorno 23 giovedì prossimo venturo presso l’arena Mallozzi in Scauri alle ore 18, e dal dare voce a certe persone. Vero Fulvio Di Nora? E se non vuoi che ciò accada mettici una pezza.

venerdì 17 aprile 2015

Pillole dal Golfo (57)

Tanto per sorridere un po’ ma … non troppo. Formia. Tempo fa fui indirizzato da un amico virtuale, in effetti non l’ho mai conosciuto di persona, presso un quotidiano provinciale che era rimasto scoperto, in zona Minturno, a livello di corrispondente. Ovviamente non me lo lasciai ripetere due volte anche perché l’amico, ripeto virtuale, sosteneva che non ci sarebbero stati problemi vista anche la mia capacità, che lui aveva notato sul web, nello scrivere. Ammesso, dopo circa un’ora di anticamera, alla presenza del direttore del quotidiano tentai di magnificare, come era giusto che fosse, le mie doti giornalistiche sottolineando che avevo, stando al giudizio di chi mi leggeva da tempo su qualche portale con il quale collaboravo anche una buona conoscenza dell’italico idioma. La risposta mi lasciò basito ché l’esimio reggente della gerenza, leggasi redazione, mi stoppò affermando che per collaborare con un giornale non era necessario avere una buona se non ottima conoscenza del linguaggio scritto. Oggi a distanza di qualche anno capisco che non bluffava e ve ne offro una piccola prova: “…Tra l’altro l’agente di polizia municipale stava operando sulle strisce pedonali, caratterizzate anche da un leggero rialzo dissuasore di velocità. … quando l’investimento è avvenuto davanti ad una scuola ed durante l’orario di entrata dei bambini.”. Ovviamente se questo “usus scribendi” non rientra nei dettami del di cui sopra io sono San Pio redivivo. Scauri. Stamane, 15 aprile 2015, mi sono imbattuto in ben tre assessori in contemporanea. E sapete cosa stavano facendo: facevano un sopralluogo per controllare lo stato dei lavori di pulizia, aiuole ed altro, all’altezza del parco giochi sul lungomare Nazario Sauro all’altezza del Monte d’Oro. Che grazie a questi giovani rampanti qualcosa stia iniziando a cambiare in questo paese? C’è veramente da augurarselo. Minturno. Le organizzazioni tutte che operano nel comune di Minturno ed interessate all’organizzazione di eventi vari potranno predisporre i loro progetti che poi saranno sottoposti al vaglio dell’amministrazione comunale. E’ questo uno dei punti d’accordo raggiunti nel corso del vertice tra comune di Minturno ed associazioni convocato dal delegato Filippo Corrente. Benissimo, che qualcosa stia cambiando veramente in questo disastrato Comune?